Archivio Mostra Astronomia

16davanti 200517dietro 2005

Questo è l'Anno Internazionale della Fisica, particolarmente ampia e ricca è la sezione dedicata a questa scienza, in particolare viene illustrata la Relatività con esempi molto didattici e accessibili al grande pubblico, ma la sezione più gettonata è costituita dalle bilancie che ci indicano quanto peseremmo se fossimo sugli altri pianeti, sul Sole o sulla Luna, una dimostrazione pratica di come varia la gravità in funzione della dimensione del pianeta o stella (??!!) sul quale siamo in quel momento: il nostro corpo è la costante (massa) che fa le prove.

 

 

18davanti 200619dietro 2006

In occasione di questa mostra abbiamo attrezzato un telescopio con il filtro H-alfa acquistato alcuni anni fa, possiamo quindi offrire ai visitatori, per la prima volta ed in assoluta sicurezza, la rara possibilità di osservare le protuberanze del Sole, enormi masse di plasma che il Sole lancia a grandi distanze e dove la Terra si perderebbe; ne abbiamo fotografate molte ed esposto nella sezione "Attività del Gruppo".

 

 

 

 

24davanti 200927dietro 2009

25inserto 1 200926inserto 3 2009

 

 

Il 2009 diventa un anno eccezionale, in occasione dei 400 anni della scoperta dei satelliti di Giove da parte di G. Galilei, abbiamo:

1) organizzato un incontro con Margherita Hack poi non realizzato per indisposizione della stessa scienziata;

2) realizzato, per sopperire alla mancata presenza della prof.ssa Hack, l'incontro con l'astronauta Umberto Guidoni;

3) in mostra un nostro bravissimo socio ha  ricostruito in maniera fedele il telescopio di Galilei, nelle forme e nelle misure con gli stessi ingrandimenti;

4) per la prima volta abbiamo proiettato un video che illustra molto bene che cos'è la Nube di Oort e la fascia di Kuiper.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20davanti 200721dietro 2007

Per questa edizione le sezioni si arricchiscono ancora, la novità di questa edizione è rappresentata:

1) dal confronto tridimensionale di alcune stelle rappresentate nello stesso colore che si presentano all'osservatore, 

2) da nuove foto del cielo notturno più grandi e più dettagliate del solito,

4) dalla costruzione di una costellazione (il Carro Maggiore) in forma tridimensionale;

5) dalla sezione dell'astronomia pretelescopica.

 

 

 

28davanti 201029dietro 2010

Da quest'anno si  iniziano a stampare i pannelli che illustrano i vari fenomeni ed esperimenti con una grafica migliore, più accurata e didattica; si punta sulla qualità della presentazione; la novità di quest'anno è costituita dall'esperimento dei razzi ad acqua, hanno una gittata limitata, ma spiegano benissimo il principio di azione e reazione; nella sezione ricerca locale viene creato un modellino che rende chiaro il come e il perché delle fasi lunari; durante la mostra è nostro ospite Margherita Hack che tiene due conferenze, una al mattino con i ragazzi della scuola media e una al pomeriggio con i visitatori della mostra.

 

 

22davanti 200823dietro 2008

Per la prima volta, e molto apprezzata la dimostrazione della precessione degli equinozi, il fenomeno, oltre ad essere spiegato teoricamente, viene dimostrato con un modellino in movimento; altre novità sono costituite dalla gigantografia della Luna (oltre un metro di diametro) e dalla sezione Archeoastronomia e l'illustrazione dei primi risultati della nostra ricerca astronomica; molto seguito il video che illustra l'origine e il motivo delle stelle cadenti.

 

 

30davanti 201131dietro 2011

In questa occasione della mostra le novità principali allestite sono costituite da due sezioni:

1) le foto del cielo profondo, una di enorme formato (mt 3 x 1,30), generate dal telescopio spaziale Hubble e rappresentanti una piccolissima parte di cielo, profondo e lontano, ricchissima di oggetti interessanti;

2) la costruzione del Sistema Solare fino a Marte con la possibilità dell'animazione: spettacolare il movimento dei pianeti e la valutazione della loro velocità relativa.

Contemporaneamente a questa anche le altre sezioni si presentano sempre meglio.

 

 

   
sistema solare
© ALLROUNDER