Archivio Mostra Astronomia

01davanti 199802dietro 1998

 

In questa prima edizione, 1998, il plastico del telescopio italiano Galileo installato alle Canarie rappresentò l'attrazione più seguita. Da questo anno si cominciarono a costituire, con una certa organicità, le varie sezioni base: il planetario, il pendolo di Foucault, la rappresentazione in due scale di riduzione (1:100.000.000 e 1:30.000.000.000) del Sistema Solare (pianeti in polistirolo), mostra fotografica del cielo profondo, le costellazioni dello Zodiaco e quella sugli strumenti di osservazione, sezioni che rimarranno una costante della mostra, si arricchiranno anno dopo anno nei contenuti e nella presentazione; specifico di quella edizione furono le conferenze serali tra le quali venne il Consigliere Regionale Padoin ad illustrare la prima legge Regionale Veneta sull'inquinamento luminoso; abbiamo allestito anche una stanza con una raccolta filatelica privata sui corpi celesti e la conquista dello spazio;

 

 

03davanti 199904dietro 1999

 

La novità di questa edizione è costituita dalla sezione fotografica delle comete con Hale-Bopp in testa, molto stupore e attenzione destò la sezione laboratorio per spiegare come un semplice pezzo di vetro possa trasformarsi in uno specchio per telescopio; ogni sera, non più conferenze, ma osservazione del cielo profondo, di giorno osservazione in sicurezza delle macchie solari.

E' l'anno dell'eclissi di Sole (93%) dell '11 Agosto, noi , in questo pieghevole lo annunciammo e lo divulgammo per tempo.

Come si vede tutti gli appuntamenti astronomici e la mostra si svolgono in Villa Farsetti, gentilmente e gratuitamente concessa dall'Amministrazione Comunale di Santa Maria di Sala; questo, nel periodo iniziale, ci ha aiutato molto.

 

 

 

 

 

10dietro 200209davanti 2002

 

Continua la collaborazione sia con l'Università di Trento per spiegare la Fisica con piccoli esperimenti e giocattoli sia l'Università di Modena e Reggio nell'Emilia che in questa occasione ci ha prestato ben 5 macchine matematiche. In questa edizione ospitiamo la migliore collezioni italiana di Meteoriti.

 

05davanti 200006dietro 2000

Inizia la collaborazione con il Dipartimento di Fisica dell'Università di Trento ne approfittammo per allestire una sezione che spieghi nei dettagli alcuni fenomeni fisici, in particolare attraverso dei semplici giocattoli, la sezione delle meridiane ora ben attrezzata, genera molto interesse; iniziano ad arrivare le prime scolaresche ed il pubblico della Domenica ci dà soddisfazione per quantità e buona critica.

La novità è rappresentata dalla sostituzione dei pianeti in polistirolo con quelli in vetroresina, molto più resistenti alle intemperie, colorati secondo quanto appare negli atlanti astronomici, illuminati da dentro riuscendo a ricreare l'effetto notte. Una situazione irreale dove di notte: il Sole viene illuminato per essere visibile e ogni pianeta, attraverso la luce irradiata dall'interno con lampadine opportune, sembra effettivamente quello che si vede al telescopio da un osservatore lontano, Terra compresa. 

I soci che hanno realizzato questo impianto e quelli che lo stanno ora manutenendo, sono degli artisti.

 

 

11davanti 200312dietro 2003

 

In questa sesta edizione inizia la collaborazione con l'Università di Padova, si mantiene la collaborazione con l'Università di Trento e, solo quest'anno si collabora anche con Udine; il pezzo forte della mostra è la neonata sezione dei Minerali della sezione mineralogica dell'Enichem di Marghera, sarà presente ininterrottamente fino al 2011, iniziamo ad allestire due nuove sezioni: "Le costellazioni dello zodiaco" e "I colori della Luce" diventate di base e quindi fisse per ogni successiva mostra; per la gioia dei ragazzi nelle domeniche della mostra, sul prato della Villa nasce, abbinata alla mostra, la Festa degli Aquiloni organizzata dai genitori dei ragazzi che frequentano la parrocchia di Santa Maria di Sala.

Ci si prepara e si pubblicizza per l'osservazione di Mecurio che transiterà davanti al Sole, ciò accadrà puntualmente il 7 Maggio alle ore 08:00.

07davanti 200108dietro 2001

In collaborazione con l'Università di Modena e Reggio nell'Emilia portiamo in mostra alcune Macchine Matematiche, molto curiose, divertenti e didatticamente molto interessanti; dagli astrofili di Milano, grazie ad un prestito, allestiamo la gigantesca e dettagliata mostra fotografica su Giove e i suoi satelliti utilizzando anche il secondo piano di Villa Farsetti; sul prato a fianco della villa, nella seconda domenica si poteva fare un giro in mongolfiera, un'acensione affascinante ed emozionante fino ad una altezza di circa 30 metri.

Abbiamo sperimentato di ospitare, in contemporanea, una mostra d'arte di scultura e pittura di due giovani artisti.

 

 

 

13davanti 200415dietro 2004

La sezione novità è rappresentata dagli eventi planetari di questo anno:

1) ricostruzione di Marte con una sfera di polistirolo del diametro di cm 50 dove sono state indicate le posizioni delle sonde Spirit e Opportunity che rispettivamente il 4 e 25 gennaio si sono appoggiate sul terreno marziano;

2) illustrazione del fugace transito di Venere davanti al Sole descritto e rappresentato come meglio si poteva tenuto conto che la volta precedente è capitato nel 1882, quindi la società moderna non ha materiale fotografico a disposizione a ricordo di quell'evento che si ripeterà l'8 Giugno successivo.

Un evento che si ripete mediamente ogni 120 anni; è un evento storico data la sua bassa frequenza, se poi la giornata non è solare si rischia di perderlo definitivamente; in questa occasione il tempo è stato ottimo e noi lo abbiamo potuto vedere dalle ore 08:00 alle ore 13:00 per intero senza interruzioni con un pubblico entusiasta che arrivava incuriosito, osservava, discuteva, si rendeva conto della rarità, riguardava e se ne tornava ai propri impegni, senza soluzione di continuità. Poche sono state le scolaresche intervenute: era l'ultimo giorno di scuola ! ! ... e molti sono stati distratti da atri pensieri. Per l'occasione abbiamo pubblicizzato con un volantino il tanto atteso avvenimento.

Il fenomeno è stato importante: è la prima volta che appare nell'era moderna e sofisticatissime apparecchiature hanno registrato e studiato molte bene l'avvenimento.

 

14inserto 2004

 

   
sistema solare
© ALLROUNDER